Archivi categoria: 2e) Personaggi – Famiglia Bonaparte

Caterina di Württemberg, regina di Westfalia

La principessa Caterina di Württemberg sposò nel 1806 mio fratello Girolamo, dopo l’annullamento delle nozze di quest’ultimo con la figlia di un mercante americano, diventando regina consorte di Westfalia. Vi riporto le parole del mio Primo Valletto di Camera che la descrivono con completezza:

“Una donna molto bella e dotata delle qualità più solide. In lei convivevano una mente altamente coltivata, una naturale intelligenza, un carattere degno di una cognata dell’Imperatore che porta quasi all’entusiasmo il suo amore per il lavoro. I suoi sentimenti erano nobili ed elevati, non si mostrava mai altezzosa, e portava sempre un grande rispetto e una grande gentilezza nei confronti del suo seguito. Possedeva il dono più felice in natura, che consiste nel farsi amare da tutti.”

Il matrimonio di mio fratello Girolamo e Carolina, Fontainebleau, 22 Agosto 1807.
Il matrimonio di mio fratello Girolamo e Carolina, Fontainebleau, 22 Agosto 1807.

Una particolarità di Caterina è legata alla sua debolezza per le superstizioni; evitava, ad esempio, di sedersi ad un tavolo con tredici ospiti. Durante una cena a Firenze, giunse nella sala da pranzo e vide che c’erano tredici piatti; iniziò ad impallidire e rifiutò di prendere posto. Mia sorella Elisa iniziò a prenderla in giro, poi le scosse le spalle e le disse di non preoccuparsi, perché in realtà a tavola erano in quattordici, dato che lei era incinta. Alla fine la regina decise di sedersi, anche se con un po’ di ripugnanza.

A conclusione di questo articolo su Caterina, pubblico una lettera indirizzata a suo padre, nella quale è evidente il suo affetto e la sua devozione nei confronti del marito, nel periodo più difficile per l’Impero e per lui stesso:

Forzata dalla politica a sposare un re, mio marito, il fato ha voluto che mi trovassi ad essere la donna più felice dell’universo. Provo per mio marito i sentimenti uniti di amore, tenerezza e stima. In questo momento doloroso può il migliore dei padri voler distruggere la mia felicità domestica, l’unica che mi rimane? Oso dirvi, mio caro padre, che voi e tutta la mia famiglia fate una grande ingiustizia al re, mio marito; e spero che arriverà il momento in cui vi convincerete di aver fatto una tale ingiustizia e che poi troviate in lui, come in me stessa, il più affezionato e rispettoso dei figli.

La corte imperiale nel 1809; Caterina è la seconda da destra; Girolamo è il terzo da sinistra, mentre il quarto da sinistra è il re del Württemberg.
La corte imperiale nel 1809; Caterina è la seconda da destra; Girolamo è il terzo da sinistra, mentre il quarto da sinistra è il re del Württemberg.
Annunci

Girolamo Bonaparte, re di Westphalia

IMG_9889-0.JPG

Il 15 Novembre 1784 nasce Girolamo, mio fratello.
Nel 1800, terminati gli studi entrò in Marina e compì alcune missioni, come quella di Santo Domingo con Leclerc.
In seguito ad alcune missioni fallite nei Caraibi andò negli Stati Uniti e li si sposò, con mia grande disapprovazione.
Tornato in Francia nel 1805 gli affidai la missione di liberazione di 250 genovesi trattenuti ad Algeri, ed egli la portò a termine. Annullai il suo matrimonio e nel 1806 ci riconciliammo definitivamente.
Nel 1807 sposó la figlie del re del Wüttemberg, e lo nominai re di Westphalia; gli affiancai come ministri delle persone capaci, tuttavia ebbero difficoltà a tenere a freno l’esuberanza e le spese di mio fratello.
La regina Caterina fu una moglie esemplare, sinceramente affezionata a mio fratello, elegante, virtuosa, non lo abbandonò neanche nei periodi di difficoltà, e cercò di intercedere presso il padre per mitigare la sorte di Girolamo.
Come sovrano di uno stato vassallo mio fratello si mise al servizio della Francia e mi accompagnò anche nella Campagna di Russia, dove non diede grande prova di sé, e quando glielo feci notare, questi se ne tornò in Westphalia offeso.
Combatté al mio fianco anche durante i Cento Giorni, ma senza grande talento o fortuna.
Con la fine dell’Impero fu costretto all’esilio, prima nel regno della moglie, poi in Italia assieme ad altri membri della mia famiglia. Torno a Parigi dopo il 1848.
Quando Luigi Napoleone prese il potere, Girolamo divenne Presidente del Senato, Maresciallo di Francia e Governatore dell’Hotel des Invalides, dove fu sepolto.

#N