Archivi tag: Inglesi

I giorni successivi all’abdicazione – Giugno e Luglio 1815

Domenica 25 Giugno 1815 lasciai l’Eliseo diretto alla Malmaison. Le acclamazioni della popolazione a Parigi erano ancora intense, nonostante avessi firmato l’abdicazione già il 21.

Giovedì 29 giunge alla Malmaison il Generale Becker, inviato dal governo provvisorio con l’ordine di sorvegliarmi. Fouché sapeva bene che questo generale provava del risentimento nei miei confronti e lo inviò al solo scopo di impedirmi di continuare la guerra alla testa delle truppe, che ancora gridavano in lontananza “Viva l’Imperatore”. In realtà il generale svolse il suo ruolo con molto rispetto e mi fece da portavoce quando offrii al governo provvisorio di combattere il nemico come semplice cittadino, per cacciarlo dalla Francia. Al rifiuto del governo, decisi di partire.

In pochi giorni raggiunsi Rochefort, sulla costa Atlantica francese; i membri del mio seguito ebbero delle disavventure durante il viaggio, ma alla fine riuscirono a raggiungermi indenni. Il momento tumultuoso della Francia, le notizie oscure che giungevano da ogni parte, potevano trasformare in poco tempo un amico in un nemico. A Rochefort alloggiai nella prefettura. Molta gente circondava l’edificio e ogni tanto si sentivano delle acclamazioni. Alcuni Generali vennero o mandarono emissari per mettersi al mio servizio, ma io rimango tranquillo, impassibile e indifferente.

Un luogotenente di vascello della nostra marina, comandante di un bastimento mercantile danese, si offrì di salvarmi, imbarcandomi nascosto e portandomi negli Stati Uniti. Domandò solo una piccola somma per coprire le spese del viaggio e venne steso il contratto per questa piccola impresa.

Sabato 8 raggiunsi la costa nei pressi di Fourras, mi imbarcai sulla Saale, dove passai la notte. Domenica sbarcai sull’Isola di Aix e visitai le sue fortificazioni. Alla sera alcuni uomini del mio seguito chiesero al comandante della flotta inglese se erano giunti i salvacondotti per permetterci di sbarcare negli Stati Uniti; ci fu risposto di no, che avrebbero riferito all’ammiraglio comandante sulla questione  e consigliarono di recarci in Inghilterra, dove non avremmo ricevuto una cattiva accoglienza.

Tutti i passaggi erano bloccati da navi inglesi , che perquisivano le navi neutrali. Dovevamo decidere il da farsi, e mercoledì 12 sbarcai nuovamente sull’isola di Aix, lasciando le fregate parlamentari che si erano rifiutate di tentare l’impresa, complici anche i venti contrari.

Giovedì 13 vennero preparate due piccoli chasse-marée per tentare di aggirare il blocco, e i bagagli erano già stati caricati su uno dei due.

Venerdì 14 una deputazione del mio seguito salì sulla nave inglese Bellerofonte e parlò col capitano Maitland per sapere se erano giunti i salvacondotti. Egli rispose che non aveva notizie in tal senso e che non sapeva se ci sarebbero stati effettivamente concessi. Disse però di avere l’autorizzazione ad accogliermi, qualora decidessi di raggiungere l’Inghilterra. Egli aggiunse poi che avrei trovato lì rispetto e un trattamento degno.

continua…

#N

[Il Memoriale di Sant’Elena, Las Cases, Migliorini]

Annunci

Lettera al Ministro della Marina Decrès – 29 Gennaio 1809

Al Contrammiraglio Conte Decrès, Ministro della Marina

Parigi, 29 gennaio, 1809

È mia intenzione che diate ordini per lo sparo di una salva di trenta cannoni su tutte le coste dove ci sono navi britanniche, e in particolare nelle vicinanze di Boulogne, per celebrare la nostra vittoria sugli Inglesi e la loro cacciata dalla Spagna. Ordinerete anche che le bandiere vengano battute nel modo che i marinai usano di solito in queste occasioni. Replicate questi ordini nelle coste del Mediterraneo, e a tutte le mie flotte. Fate un breve annuncio secondo cui un esercito di 36-40.000 Inglesi, agli ordini dei generali Moore e Baird, rinforzati da un esercito Spagnolo, sono stati inseguiti con la spada nella schiena per 50 leghe; che abbiamo ucciso 2.000 dei loro uomini, catturati 7.000, con i loro ospedali da campo e i loro convogli di bagagli; che hanno spezzato i tendini a 6.000 dei loro cavalli; e che sono stati costretti ad abbandonare gli spagnoli al comando di La Romana [..].

#N