Archivi tag: citazioni

Augusta di Baviera

Auguste-Amélie_deBavière_Stieler

Augusta Amalia Ludovika Georgia di Baviera era figlia del re Massimiliano I di Baviera e della sua prima moglie Augusta Guglielmina d’Assia-Darmstadt

Avrebbe dovuto sposare Carlo di Baden, nipote ed erede del Granduca di Baden, ma le cose andarono diversamente in quanto volevo legare la mia famiglia alle altre dinastie dell’Europa centrale: Carlo infatti sposò Stefania di Beauharnais, cugina di Giuseppina che adottai, così da renderla parte della mia dinastia  come Principessa Francese. Augusta di Baviera il 13 Gennaio 1806 a Monaco sposò invece Eugenio di Beauharnais, figlio di primo letto di Giuseppina, anch’egli da me adottato.

Ménageot_Matrimonio
Il matrimonio tra Eugenio ed Augusta, il 13 Gennaio 1806.

Lei era molto bella e buona come un angelo. Era molto attaccata ad Eugenio, ed i due ebbero un matrimonio felice, anche dopo la fine dell’Impero.

Quando divorziai da Giuseppina, Eugenio voleva lasciare i propri titoli, in quanto non si considerava più mio figlio adottivo. Scrisse anche una lettera alla moglie, forse dicendole di dispiacersi per non avere più un certo rango. La moglie gli rispose così:

“Non è l’erede dell’Imperatore che ho sposato e che amo, ma è Eugenio de Beauharnais”

Dopo la caduta dell’Impero, i due sposi si rifugiarono in Baviera, con i titoli di Duca e Duchessa di Leuchtenberg.

#N

Annunci

Lettera al Generale Lauriston, 12 Dicembre 1804

Parigi, 12 Dicembre 1804.

I ministri della guerra e della marina vi hanno già inviato le vostre istruzioni. Vedrete che ho rafforzato la vostra spedizione con l’aggiunta del Generale Reille. Mi serve la fregata “Muiron” per un altro servizio.  È già tardi nella stagione. Partite subito; giustificate la mia fiducia in voi; issate la mia bandiera in quel bel continente.

Se, quando avete stabilito una base laggiù, siete attaccato dagli Inglesi, e sperimentate vicissitudini della fortuna, non dimenticate mai tre cose – di tenere le vostre forze assieme, di essere attivo, di essere determinato a morire da soldato. Questi tre grandi principi dell’arte della guerra hanno portato la fortuna dalla mia parte in tutte le operazioni.

La morte non è nulla: ma vivere sconfitto e senza gloria è come morire ogni giorno. Non abbiate paura per la vostra famiglia: dedicate tutte le vostre energie a quella parte della mia famiglia alla cui conquista siete destinato.

#N